Nuove attività d'impresa

Legge 16 dicembre 2013 n.166 - Imposta Generale sui Redditi
Art. 73 (Ulteriori incentivi) - Decreto Delegato 1 luglio 2015 n.104


1. Alle nuove attività esercitate in forma individuale d’impresa o libero professionale, i cui
titolari non abbiano esercitato, nell’anno precedente la data della richiesta, impresa avente attività
assimilabile a quella per cui richiedono l’accesso ai seguenti benefici, sono riconosciuti:
a) esenzione dal pagamento della tassa di primo rilascio della licenza;
b) per i successivi tre anni di esercizio dell’attività, esenzione dal pagamento della tassa annuale di
licenza;
c) per i primi sei periodi d’imposta, abbattimento dell’aliquota prevista pari al 50%. Il
contribuente ha facoltà di posticipare la decorrenza del periodo di esenzione fiscale non oltre il
terzo periodo d’imposta successivo a quello di inizio della nuova attività;
d) credito d’imposta su programmi di formazione del personale, di innovazione tecnologica e
sviluppo, i cui criteri sono definiti con apposito decreto delegato.
2. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano anche a beneficio di società di capitali
o società cooperative, i cui soci ricadano nelle condizioni di cui al precedente comma, quando:
a) trattasi di attività economiche di nuova costituzione, i cui soci non abbiano esercitato,
nell’anno precedente alla data della richiesta, impresa avente attività assimilabile a quella per
cui richiedono l’accesso ai benefici;
b) provvedano all’assunzione di almeno un dipendente entro due mesi dal rilascio licenza e di
ulteriori due dipendenti entro dodici mesi dal rilascio licenza.
Il mantenimento dei requisiti in capo ai soci in caso di cessione di quote od azioni e del vincolo
previsto alla lettera b) del presente comma sono condizione indispensabile per conservare i
benefici.
3. Le agevolazioni previste alle lettere a) e b) del precedente comma 1 si applicano, pena
decadenza, dalla data di rilascio della licenza ovvero, se lavoro autonomo, all’atto della iscrizione
presso l’Ufficio del Lavoro.
4. Le agevolazioni previste alle lettere c) e d) del precedente comma 1 si applicano su opzione
da parte del soggetto beneficiario, fermo restando i limiti temporali previsti dal presente articolo.
5. Il venir meno dei requisiti previsti ai commi 1 e 2 del presente articolo comporta la
decadenza delle agevolazioni per l’esercizio in corso e per quelli successivi.
6. Con circolari dell’Ufficio Tributario e dell’Ufficio Industria, ciascuno per le proprie
competenze, saranno precisate le definizioni e le modalità applicative previste al presente
articolo.

  • Circolare Ufficio Industria 1/2016 (878,4 KB)
  • Decreto Delegato 24 febbraio 2016 n.19 (43,37 KB)